Il grande rischio di vedere estinto il Leopardo delle Nevi - Blog Gatti Bengala - Il Gatto Bengala - Blog

Cerca Argomento
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il grande rischio di vedere estinto il Leopardo delle Nevi

Pubblicato da in NOTIZIE CURIOSE ·
Un report dell'Associazione Khoomfay allarmata dalla controversa decisione dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) di rimuovere il leopardo delle nevi dall' elenco di specie "in via di estinzione", dopo 45 anni.


I leopardi delle nevi hanno la pelliccia più lunga e spessa di qualsiasi grosso gatto, e una coda lunga e spessa che possono avvolgersi attorno per rimanere caldi. Vivendo a un'altitudine estrema tra le montagne pericolosamente ripide dell'Himalaya e in un clima freddo pungente, i leopardi delle nevi sono tra i più difficili felini da studiare. Anche dopo decenni di ricerca sostenuta, nessuno sa quanti di questi grandi ed estremamente sfuggenti gatti rimangano.
Ricercatori provenienti da tutte e 12 le nazioni asiatiche che questi gatti chiamano casa, stanno cercando di rimediare a questo con un censimento di cinque anni, usando le trappole fotografiche installate su montagne remote, radionavigazione e identificazione dei peli e degli escrementi. L'inchiesta giunge sulla scia di una decisione controversa l'anno scorso dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) di rimuovere il leopardo delle nevi dall' elenco di specie "in via di estinzione" dopo 45 anni. L'IUCN ha riclassificato il gatto come "vulnerabile", il che significa che il rischio di estinzione dell'animale è meno urgente di quanto gli esperti abbiano creduto. Questo cambiamento è stato basato sulla stima che esistono oltre 8.000 leopardi delle nevi in tutta l'Asia. Ho raccolto molto sconcerto da parte del Direttore dello Snow Leopard Conservancy India Trust , Tsewang Namgail, che riferisce: "Non conosciamo nemmeno il vero numero di questi leopardi. È tutto incerto e preoccupante." La preoccupazione per Namgail e altri è che non esiste una protezione unificata per il gatto in tutti i paesi, e anche con il cambiamento della IUCN, la vitalità dei gatti di alta montagna maculati rimane in dubbio a causa di insediamenti umani, cambiamenti climatici e bracconaggio . Rimuovere i leopardi dalla lista a rischio, preoccupa, può dare l'impressione di essere al sicuro. I leopardi delle nevi vivono nelle montagne di Afghanistan, Pakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Uzbekistan, Kazakistan, Nepal, Bhutan, Russia e Mongolia, e in numero maggiore in India e Cina. Il nuovo sondaggio, noto come Paws (Population Assessment of the World's Snow Leopards), è iniziato quest'anno in India, Pakistan, Kirghizistan, Mongolia, Russia e Nepal. Ma ottenere i risultati non sarà facile. Questo perché, a differenza di altri grandi felini, i leopardi delle nevi sono appositamente evoluti per le altezze fredde. I leopardi delle nevi hanno la pelliccia più lunga e spessa di qualsiasi grosso gatto, e una coda lunga e spessa che possono avvolgersi attorno per rimanere caldi.

Una grande cavità nasale e ampie ossa facciali permettono ai leopardi di respirare aria molto fredda e riscaldarla per respirare, e un'alta concentrazione di globuli rossi massimizza l'assunzione di ossigeno, il che significa che non si stancano facilmente mentre scalano le montagne. In effetti, sono confortevoli ad altezze che raggiungono i 18.000 piedi. Tutte queste caratteristiche sono essenziali per la loro sopravvivenza e le rendono particolarmente difficili da rintracciare, anche per i ricercatori più duri. Ma i leopardi sono, a un certo livello, prevedibili: frequentano sentieri di e percorsi segnati, e spesso irrorano rocce per marcare il loro territorio.

Di conseguenza, i tracker possono riconoscere i segnali e installare trappole fotografiche per identificare i singoli gatti in base ai loro punti, che sono unici come le impronte digitali. I ricercatori devono semplicemente essere sicuri di sé in condizioni di ghiaccio ad alta quota e incrociare le dita che le telecamere reggano. (Alcune marche si comportano meglio di altre quando il mercurio scende sotto lo zero). Il lavoro sul campo e il sostegno a Paws proviene da un mix di organizzazioni governative e non governative che hanno impegnato oltre 4,5 milioni di sterline in fondi e assistenza in natura per progettare un piano di gestione delle nevi delle nevi. Koustubh Sharma, un ecologista senior e coordinatore internazionale presso lo Snow Leopard Trust , mi ha confermato che Paws prevede di esaminare tra il 10 e il 20 per cento del raggio di azione.





Ha stimato che ci vorranno circa cinque anni e il lavoro di circa 1.000 guardie forestali, scienziati e personale di supporto per completare il progetto. Mentre ci sono popolazioni di grandi felini relativamente stabili in Cina e in Mongolia, dicono gli esperti, lo sviluppo umano e il cambiamento climatico hanno creato aree in cui i leopardi delle nevi sono dispersi in modo irregolare.
Le interruzioni nel loro raggio d'azione, causate dalle città o dalla perdita dell'habitat, possono creare isole di habitat che impediscono il movimento e la diversità genetica a collo di bottiglia.

La scoperta dello scorso anno di tre sottospecie indica gruppi appunto frazionati.
L'aumento dell'invasione umana sulla gamma dei leopardi delle nevi è stata evidenziata in un rapporto del 2016 che ha rilevato che circa 450 leopardi delle nevi vengono uccisi annualmente, principalmente per la medicina tradizionale cinese e come pelle da trofeo. I climi surriscaldati stanno anche modificando l'habitat dei leopardi delle nevi. Lo scioglimento dei ghiacci e il sovra sfruttamento del bestiame, accelerano l'erosione della montagna e ostacolano la capacità di rigenerazione delle piante, il che conferisce agli erbivori meno opzioni alimentari, minacciando così i leopardi. In gran parte dell'Asia, il bestiame rappresenta ben due terzi della dieta del leopardo. Quando i leopardi uccidono il bestiame, i locali spesso uccidono i leopardi.

La situazione rischia di peggiorare: la perdita delle praterie alpine potrebbe ridurre l'habitat delle leopardo del 30 per cento, il che significa un maggiore potenziale di conflitto tra le specie. In riconoscimento di ciò, Panthera, che ha implementato più di 500 trappole fotografiche in sette nazioni per precedenti progetti di ricerca, ha contribuito a proteggere i leopardi mentre durante il periodo del progetto.





Più del 50% della popolazione umana nella fascia di appartenenza dell'animale è impegnata nell'agricoltura e nella pastorizia e oltre il 40% vive al di sotto della soglia di povertà.

E quando gli attacchi al bestiame avvengono, le persone non possono pensare di aiutare una specie vulnerabile tanto quanto la retribuzione: in una città vicino alla città indiana di Srinagar, gli abitanti del villaggio hanno lapidato a morte un leopardo dopo essere stato trovato dai pastori in un area circondata da capre morte.
Vi è un piccolo spiraglio nell'eco turismo. Ad esempio, in Ladakh, nello stato di confine dell'India settentrionale che confina con la Cina e il Pakistan, leopardi delle nevi esistono a una densità di circa 4-6 per 100 chilometri quadrati contro meno di uno altrove. Questa abbondanza attrae sia i turisti che gli scienziati. Gli esperti pastori locali hanno trasformato le loro case in alberghi mentre la gente arriva alla ricerca di leopardi delle nevi. Gli abitanti del villaggio agiscono come osservatori, offrendo escursioni alle trappole fotografiche o la possibilità di vedere i gatti, a volte dal lato della strada e il calore di un SUV. Le famiglie possono portare da $ 500 a $ 2000 all'anno, con il 10 per cento dei proventi raggruppati in risparmi comunitari di un villaggio per migliorare l'habitat, proteggere i pascoli, trasformare le valli in riserve e migliorare l'istruzione. In effetti, il fiorente business scientifico ed ecoturistico ha creato una preoccupazione diversa: che un clima caldo può ridurre il numero di gatti e rendere più difficile attirare visitatori.

"Senza neve, è molto difficile rintracciare i leopardi.", afferma Tsewang Norboo, il proprietario della Snow Leopard Lodge, usando la parola Ladakhi per leopardo delle nevi. "Abbiamo bisogno di loro".
Nonostante le sfide, Namgail vede i progressi. Mi ha raccontato che una decina di anni fa, cercò di convincere gli abitanti del Ladakh che i leopardi potevano mettere soldi nelle loro mani, "gli abitanti del villaggio ridevano di noi", dice. Poi si ricredettero .



Per concludere il nostro incontro, il biologo indiano mi ha confessato che secondo lui, l'unico modo per capovolgere la lenta scomparsa di questo meraviglioso felino, non rimane altra strada che coinvolgere le persone che vivono accanto a loro, dice. "Non c'è altro modo."

Mi auguro che gli sforzi di queste straordinarie persone, possano servire alla salvaguardia di questa specie , una tra le più affascinanti della famiglia ei felini. Tonietto Luisa Albachiara Presidente ASSOCIAZIONE KHOOMFAY



Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu