Capire il vostro Gatto Bengala - Blog Gatti Bengala - Il Gatto Bengala - Blog

Cerca Argomento
Vai ai contenuti

Menu principale:

Capire il vostro Gatto Bengala

Pubblicato da in SCEGLIERE IL GATTO BENGALA ·
Tags: bengalagattolinguaggioconoscere
I Bengala  sanno bene come fare a comunicarvi i loro desideri, sia con espedienti sonori che con il linguaggio del corpo. Non ci vorrà molto prima che impariate a capire cosa vuole dirvi.
Miagolii
Finché il Bengala è giovane e in crescita, i suoi miagolii saranno scarsi e stentorei, mentre imparerete a riconoscere quelli più potenti e caratteristici del Bengala adulto. Un miagolio basso indica che il gatto è a disagio o abbattuto per qualche ragione. Un miagolio acuto, invece, significa allegria e se continua a emetterlo vuole attirare la vostra attenzione. Imparerete a capire cosa sta tentando di dirvi: "mettimi giù", "dammi da mangiare", "coccolami!"
Curiosamente, di solito i miagolii non sono diretti ad altri gatti: sono quasi sempre rivolti all'uomo. Ascoltatelo, quindi: sta parlando proprio con voi!
Fusa
Le fusa sono solitamente un segno di appagamento, anche se non sempre indicano felicità. Un Bengala  malato o ansioso farà a volte le fusa per auto consolarsi. Quando si strofina contro di voi facendo sonoramente le fusa, tuttavia, vi sta dimostrando il suo affetto oppure vi sta chiedendo qualcosa, come ad esempio del cibo.
Soffi e ringhi
Sono inconfondibili segni di paura. Il Bengala tenta di gonfiarsi per sembrare più minaccioso e proteggersi. Lo sentirete soffiare e ringhiare, di solito, durante tesi faccia a faccia con altri animali.
Strofinii
Quando il gattino vi strofina addosso il suo musetto, sta emettendo dei feromoni. Si tratta di ormoni del benessere secreti dalle guance. È un buon segno, perché significa che è davvero a suo agio in vostra compagnia e vi dimostra il suo affetto.
Il linguaggio della coda
La coda è davvero il barometro delle sue emozioni. Un Bengala felice terrà la coda ben ritta; se ha paura, la infilerà tra le zampe. Un gatto adulto che agita la coda in un movimento ampio mostra fastidio o impazienza. Se è molto agitato, la coda si muoverà rapidamente da un lato all'altro: si tratta chiaramente di un comportamento di minaccia. Una coda irrequieta è un segno sicuro di eccitazione e curiosità.
Anche le orecchie rizzate sono indice di interesse verso ciò che accade intorno a lui. Le tiene ritte e inclinate in avanti? Vuol dire che è rilassato e amichevole. Ma se le orecchie si abbassano, appiattite sulla testa, è un segno di aggressione imminente e serve a tenerle fuori portata in caso di combattimento.
I "massaggini"
È comunissimo vedere un Bengala premere con le zampe la zona su cui sta per adagiarsi. Questo movimento indica il suo appagamento ed è una reminiscenza del tempo in cui poppava dalla sua mamma e ne massaggiava la mammella per aumentare il flusso di latte.
Le sue abitudini ancora più curiose
Non c'è dubbio che il Bengala abbia delle abitudini parecchio curiose. Avete mai provato a spiegare un giornale sul tavolo per leggervelo in santa pace mentre il gatto è nei paraggi? Be', lui salterà sul tavolo e si adagerà proprio nel mezzo del giornale, sfidandovi a smuoverlo da lì: non ci riuscirete, per quanto tentiate di attirarlo su soffici cuscini o altre cose decisamente più comode. Perché? Perché standosene su quel giornale è sicuro di avere tutta la vostra attenzione.
Se rotola sulla schiena distendendo le zampe, il vostro gattino vi sta comunicando la sua totale sottomissione e fiducia in voi e sta richiedendo la vostra attenzione. Quando vi salta in grembo e si rannicchia tutto contento, non c'è dubbio su quanto gradisca la sua nuova sistemazione.

bengala super selezionati allevamento Khoomfay
                      Foto gentilmente concessa dallo storico  Allevamento Khoom Fay




1 commento
Voto medio: 115.0/5
Mauro
2015-12-26 23:53:05
Ho un gatto bengal Khoom Fay, si chiama mistral, è il fratello del gatto congo dello stilista Stefano Gabbana, l'allevatrice è unica al mondo, i suoi gatti spesso vanno ai vip, ma a me è andata bene...

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu