PELLICCE DI GATTO CINESI? SI COMMERCIANO IN TUTTO IL MONDO - Blog Gatti Bengala - Il Gatto Bengala - Blog

Cerca Argomento
Vai ai contenuti

Menu principale:

PELLICCE DI GATTO CINESI? SI COMMERCIANO IN TUTTO IL MONDO

Pubblicato da in Discussioni generali ·
Tags: PELLICCEDIGATTOVENDUTENELMONDOCYBERGUERRAASSOCIAZIONEKHOOMFAYASIANLEOPARDCAT
Per non c'è bisogno di andare in Cina per trovare abbigliamento in pelle di gatto.

A distanza di una decina di anni dal regolamento UE 1523/2007 relativo al divieto all'importazione e  al commercio di pelli di cani e gatti nei Paesi UE, approvato dal Consiglio dei Ministri dell'Agricoltura dell'Unione Europea e in vigore dal 31 dicembre 2008 ,
il traffico di pelli di gatto domestico e di piccoli felini selvatici in Europa pare non diminuire.

Lo conferma l'Associazione KhoomFay , da anni impegnata in una cyber guerra contro questo vergognoso commercio.

Il Regolamento fortemente voluto, prima da 27 paesi dell'UE, a cui si sono poi aggiunti Francia, Belgio, Danimarca, e Grecia, deve la sua approvazione, in parte, proprio alle pressioni esercitate da questi Paesi.L'Italia ha fatto da "apripista" divenendo il primo Paese UE, secondo nel mondo dopo gli USA, ad aver imposto un bando nazionale all'importazione e commercio di tali pelli, prima con l'Ordinanza dell'allora Ministro della Salute Sirchia, emessa nel 2001 su richiesta della LAV e rinnovata nei due anni successivi, poi con l'inserimento del divieto nella Legge 189/04 contro il maltrattamento agli animali.

La UE  si unisce quindi a USA, Australia, Nuova Zelanda e Svizzera, che avevano  già bandito il commercio di tali pelli, utilizzate come inserti nei  prodotti di abbigliamento e di alcuni giocattoli.

Il commercio di pelli  provenienti da gatti e piccoli felini, uccide, ogni anno,ci racconta l'Associazione Khoomfay,  circa un milione di  animali in Cina, Thailandia, Filippine e Corea. Occorrono,  infatti, dai 20 ai 25 gatti per confezionare una pelliccia, molti di più  se per realizzarla vengono usati dei cuccioli.
La maggior parte sono animali randagi appositamente  catturati, che vengono tenuti in condizioni indescrivibili fino al  momento dell'uccisione, tuttaltro che incruenta.
Tra di loro molti sono felidi selvatici spesso specie protette, che vengono venduti come gatto felis comune,scavalcando ogni tipologia di controllo, non esistendo allo stato attuale esami di laboratorio in grado di dimostrare la differenza tra il pellame di un gatto comune o per esempio di un leopardo asiatico (Prionailurus Bengalensis)





Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu