Il leopardo asiatico: progeitore del gatto bengala - Blog Gatti Bengala - Il Gatto Bengala - Blog

Cerca Argomento
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il leopardo asiatico: progeitore del gatto bengala

Pubblicato da in Discussioni generali ·
Prionailurus bengalensis è una delle specie carnivore più diffuse in Asia e può essere trovata in gran parte dell'Asia meridionale.
Il Prionailurus bengalensis occupa l'Afghanistan orientale e il Pakistan settentrionale, parte della Russia meridionale l'India settentrionale e costiera, Myanmar, Laos, Thailandia, Indonesia, Malesia, Vietnam, Taiwan, Sumatra, Giava, Bali, Borneo, Nepal, Corea, Cambogia, parti delle Filippine e Cina orientale . Prionailurus bengalensis è stato suddiviso in una serie di sottospecie nel suo areale che differiscono per colorazione, pelame, lunghezza del corpo e cicli riproduttivi. ("Leopard Cat Foundation", 2009; "Leopard Cat", 2001; "Leopard Cat", 2004; Francis, 2008; Mukherjee, et al., 2010; Nowak, 2005; Watanabe, 2009).




Habitat

Il  Prionailurus bengalensis si trova nelle foreste tropicali e temperate, nelle foreste di conifere, negli habitat di arbusti e nelle praterie.
La sua distribuzione è limitata alle aree con meno di 10 cm di neve all'anno e non si trova nelle steppe o nei climi aridi. Prionailurus bengalensis ha una dieta abbastanza varia ed è in grado di trovare cibo nella maggior parte degli habitat.
Sembra relativamente insensibile al disturbo umano poiché le popolazioni nelle aree di crescita secondaria e disturbate sono stabili e si trova spesso vicino a campi agricoli e insediamenti rurali.
Prionailurus bengalensis è un nuotatore eccezionale, il che forse spiega la sua distribuzione sulle isole, ed è intollerante a temperature superiori a 35 C, forse spiegando la sua assenza dall'India centrale.
È in grado di vivere ad altitudini più elevate (cioè 3000 m) con nevicate minime. ("Leopard Cat Foundation", 2009; "Leopard Cat", 2001; "Leopard Cat", 2004; "Professor Paul's Guide to Mammals", 2011; Fernandez e De Guia, 2011; Mukherjee, et al., 2010; Watanabe, 2009).

Descrizione fisica

I gatti leopardo hanno le dimensioni di grandi gatti domestici.
In media pesano tra i 3 e i 7 kg. In generale, hanno un pelame pallido e fulvo con un ventre bianco.
Il loro corpo e la coda sono ricoperti di rosette e la loro coda è spesso anellata all'estremità. Quattro bande longitudinali corrono dalla fronte al collo.
La loro lunghezza dalla testa al corpo varia da 44,5 a 107 cm e la loro coda varia da 23 a 44 cm.
I gatti leopardo hanno una testa piccola con un muso corto e orecchie rotonde. Ci sono differenze nella lunghezza e nel colore del mantello in base alle condizioni ambientali locali.
A latitudini più settentrionali la loro pelliccia è più lunga e più chiara e in genere pesano di più.
La loro colorazione varia con l'habitat.
Ad esempio, gli individui in habitat nevosi hanno un pelame più chiaro di quelli in habitat fortemente boschivi, che tendono ad avere un pelame fulvo scuro.
La segregazione sessuale non è stata documentata in questa specie. ("Fondazione del gatto leopardo", 2009; "Gatto leopardo", 2004; Fernandez e De Guia, 2011; Nowak, 2005).

Riproduzione

Poco si sa del sistema di accoppiamento dei gatti leopardo.
I territori maschili spesso si sovrappongono a quelli di più femmine, con le quali il maschio cerca di accoppiarsi. Il sistema di accoppiamento del gatto leopardo non è stato studiato approfonditamente, il che potrebbe avere a che fare con la loro bassa abbondanza relativa e le loro tendenze solitarie e notturne. ("Fondazione del gatto leopardo", 2009; "Gatto leopardo", 2001; "Gatto leopardo", 2004; Nowak, 2005)

Il Prionailurus bengalensis si accoppia tutto l'anno nel sud-est asiatico. Nelle latitudini più settentrionali, si riproduce da gennaio a marzo e partorisce a maggio.
La gestazione dura dai 65 ai 72 giorni e può produrre da 1 a 4 cuccioli per cucciolata con una media di 2,5.
Se una cucciolata viene persa (ad es. Predazione), le femmine possono rimanere incinte di nuovo entro 4 o 5 mesi. I cuccioli pesano tra 75 e 120 g alla nascita e possono aprire gli occhi entro 10 giorni dal parto. I cuccioli diventano sessualmente maturi intorno ai 18 mesi. ("Gatto leopardo", 2001; "Gatto leopardo", 2004; Nowak, 2005).

Le femmine di Prionailurus bengalensis sono i allevatrici primarie, tuttavia, la durata media delle cure parentali è sconosciuta. I cuccioli vengono allevati generalmente nelle cavità degli albero, nelle fessure nelle roccie o in una tana fino a quando non sono pronti a partire da soli. Il Prionailurus bengalensis raggiunge la maturità sessuale a 18 mesi.
I maschi possono aiutare a prendersi cura dei giovani, ma l'estensione delle cure paterne è sconosciuta.
("Fondazione del gatto leopardo", 2009; "Gatto leopardo", 2001; "Gatto leopardo", 2004; "Guida ai mammiferi del professor Paul", 2011; Nowak, 2005)



Aspettative di vita

La durata della vita degli individui in cattività varia notevolmente poiché gli individui possono morire a causa dello stress.
Quando i gatti leopardo vengono rilasciati in ambienti non nativi dagli allevatori, di solito muoiono non molto tempo dopo. PER QUESTO LA DETENZIONE DEL LEOPARDO ASIATICO NELL'ALLEVAMENTO DI GATTI BENGALA E' VIVAMENTE SCONSIGLIATA.

("Fondazione del gatto leopardo", 2009; "Gatto leopardo", 2001; "Gatto leopardo", 2004; "Guida ai mammiferi del professor Paul", 2011; Nowak, 2005)

Alimentazione

I gatti leopardo sono piccoli predatori da imboscata che preferiscono l'habitat boschivo vicino all'acqua. Sebbene classificati come notturni, sono occasionalmente avvistati durante il giorno.
La loro preda principale è costituita da piccoli vertebrati terrestri, ma sono ottimi nuotatori e attaccano le prede acquatiche quando le incontrano.
I gatti leopardo sono solitari e vagano per tutto il loro areale durante la caccia. Sono difficili da osservare in quanto sfuggenti e piccoli. Sono scalatori eccezionali, il che consente loro di predare occasionalmente uccelli e pipistrelli. Tuttavia, di solito si trovano a terra.
Non sono noti per interagire con le persone, Spesso in fuga quando incontrati.
Tuttavia, i gatti leopardo si trovano spesso alla periferia delle aree rurali e agricole. ("Leopard Cat Foundation", 2009; "Leopard Cat", 2001; "Leopard Cat", 2004; Cranbrook, 1991; Nowak, 2005; Watanabe, 2009).

Comunicazione e Percezione

I gatti leopardo usano escrementi e urina per contrassegnare i territori o comunicare con i conspecifici. Come la maggior parte dei felini, sono cacciatori e sono generalmente molto silenziosi.
Si affidano alla vista, al suono e ai piccoli per cacciare, ma sono noti per fare le fusa e piangere, in modo simile ai gatti domestici. ("Fondazione del gatto leopardo", 2009; "Gatto leopardo", 2001; "Gatto leopardo", 2004; "Guida ai mammiferi del professor Paul", 2011; Nowak, 2005)

Abitudini alimentari

Prionailurus bengalensis è principalmente carnivoro e preda di piccoli vertebrati terrestri come roditori e lucertole. Sono anche noti per mangiare occasionalmente pipistrelli, serpenti e insetti. Prionailurus bengalensis di solito mangia topi e ratti, con specie che variano in base alla posizione.
I grandi individui sono in grado di catturare prede più grandi, come lepri e giovani cervi, e possibilmente pesci e uccelli.
La sua ampia distribuzione si traduce in una dieta altamente variabile in tutto il suo areale geografico.
Nelle Filippine, P. bengalensis preda principalmente topi domestici, ratti del Pacifico, ratti delle risaie e ratti Tanezumi. ("Gatto leopardo", 2004; Mukherjee, et al., 2010; Nowak, 2005; Watanabe, 2009)



Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu